Vendemmia

E’ iniziata la vendemmia! Quest’oggi, lavoro nei campi con la famiglia. In cinque persone, cinque filari e mezzo finiti nel carro. Sesto d’impianto a spalliera, su pali in cemento armato pretensionato; a dire il vero, anche qualche grosso palo di legno, è meno fragile. Grossomodo 4,8 t di roba buona (il vituperato Montuni del Reno) raccolti in 9 ore. Grado così così, 15,60. Ma è meglio non lamentarsi, poteva andare peggio. L’annata è stata difficile.

In cantina stanno già andando forte; ad andare piano saranno solo i soldi. I compensi per queste produzioni, ma anche per i più blasonati Lambruschi o Pignoletti, non sono molto elevati: si parla di 10 – 30 euro a quintale, a seconda dei vitigni. Molto di rado si va sopra, e sono richieste produzioni più difficili da gestire. Con una resa del 70% circa (ma industrialmente si va anche sopra) stiamo parlando di un costo del mosto che non eccede i 43 centesimi a litro. Come dire che una bottiglia da 3/4, compreso il costo di confezionamento, non potrebbe costare più di un euro nemmeno a riempirla con roba sopraffina.

Quando poi vado nei supermercati e vedo cosa si fanno pagare, mi è subito chiaro per quale motivo ho dovuto trovarmi un mestiere diverso da quello di mio padre. Quello che non mi è chiaro è il motivo per cui questo esercito di volonterosi, di cui faccio parte, insiste a far funzionare questa nazione. Viva l’Italia.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in agricoltura, soldi, varie e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...