Tralicci e torri eoliche: si conta

Le polemiche sull’eolico brutto e cattivo sono all’ordine del giorno. Pale eoliche su torri in acciaio, una vera schifezza….

In Italia abbiamo anche altri oggetti paragonabili? Il confronto con le ciminiere è scorretto: le ciminiere fumano e puzzano, e poi sono generalmente poche. Abbiamo poche possibilità di trovarcene una di fianco a casa.

Magari potrebbe essere interessante discutere delle linee elettriche, ben più diffuse; non tutte però: solo quelle grosse. Sul sito di Terna, tra i dati statistici, possiamo consultare tante notiziole interessanti; in particolare a pagina 25 del documento relativo alla rete elettrica. La consistenza attuale delle reti è riassunta rapidamente in 10.694 km di linee a 380 kV, a cui dobbiamo aggiungere quelle a 220 kV per ulteriori 11.350 km. Più di 22.000 km totali a fine 2009.

Quanti sono i tralicci di sostegno? Si fa ben presto: basta prendere il righello di Google Earth e misurare la distanza tra un sostegno e l’altro lungo una linea. Nel caso di un tronco a 380 kV che si snoda tra le province di Modena e Bologna, non distante da casa mia, la distanza media tra i sostegni ammonta a circa 420 metri.

Traliccio elettrodotto Terna 132 kV 500 A, singola ternaImmaginando di applicare questa spaziatura a tutta la rete ad altissima tensione italiana – una forzatura, dato che in montagna le spaziature possono diminuire e visto che la rete a 220 kV differisce da questo esempio – otterremmo di avere installato più di 52.000 tralicci di imponenti dimensioni. Molto più grossi di quello rappresentato in fotografia qui a fianco, che pure potrebbe sembrare grandino con i suoi 22 – 23 metri di altezza; in realtà, le linee a 380 kV sono ben più impattanti. E naturalmente richiedono fasce di rispetto un po diverse.

In Italia attualmente, secondo Terna, abbiamo 4900 MW installati in forma di generatori eolici. Supponendo di avere macchine da 2 MW ciascuna (al momento si arriva anche a 6 MW, ma è bene tener conto di macchine più piccole), staremmo parlando di meno di 2.500 torri di sostegno.

Chissà come mai nessuno è mai venuto a stracciarsi le vesti quando hanno tirato su un traliccio di fianco a casa mia. Sarà davvero più bello di un mulino a vento? Chissà.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, energia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Tralicci e torri eoliche: si conta

  1. fotovoltaico ha detto:

    Le pale eoliche hanno un impatto ambientale molto forte e questa è una delle ragioni principali per cui tutti si schierano a loro sfavore.

    • fausto ha detto:

      Tutti? Io abito di fianco ad una tangenziale. Farei cambio volentieri – ovviamente! – ma purtroppo non possiamo scegliere. A quando qualcuno che si voglia schierare contro il catrame o contro i tumori?

  2. Elia ha detto:

    Sto facendo un progetto artistico proprio sul impatto estetico di “oggetti” comuni del XXI sec. Si potrebbe sapere, invece, quanti tralicci come quello nella foto) ci sono in Italia (all’incirca)?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.