Il cielo stellato e la solida terra

Ieri l’altro sera, in preda ad un forte mal di testa, avevo provato a ricordare il profetico Bendandi; e a raccontare qualche storiella sul radon, il mitico campanello d’allarme già usato dai sovietici con alterne fortune per predire i terremoti. Qualche nota sulla predizione sismica sull’enciclopedia.

Beh, insomma, il romagnolo cosa diceva? In questo articolo viene riportata una parte di una sua intervista. Spiega Bendandi “…l’origine dei terremoti secondo la mia teoria è prettamente cosmica. Secondo dati da me raccolti e controllati il sisma avviene quando nel giro mensile di una rivoluzione lunare l’azione del nostro satellite va a sommarsi a quella degli altri pianeti…”. Per carità, è anche facile arrivare a pensare che l’attrazione gravitazionale dei pianeti vicini alla Terra possa avere qualche effetto meccanico sulla crosta. Le onde di marea le conosciamo bene, ed il fenomeno interessa anche la Terra solida. Comunque è tutto piuttosto vago, niente dati né cifre.

posizione dei pianeti del sistema solare - 11 maggio 2011Per farci un’idea visiva della faccenda, proviamo a vedere dove stanno ora i pianeti del sistema solare uno rispetto all’altro. Per riuscire nell’intento mi sono affidato a questo sito, che propone un bello strumento grafico alla voce solar system chart. Per la data dell’11 maggio 2011 il risultato è qui a sinistra. A causa delle grandi differenze in dimensione dell’orbita, i pianeti terrestri sono rappresentati nell’ingrandimento in alto a sinistra. Quel che si vede è semplice da descrivere: il Sole, Mercurio, Venere e Marte sono disposti tutti dalla stessa parte rispetto alla Terra. E si può arguire che stiano sommando le rispettive attrazioni gravitazionali. Non difficile da notare. Qui però manca un corpo celeste importante: la Luna. Per il nostro pallido satellite, non è difficile intuire la posizione: abbiamo avuto il novilunio il 3 maggio, ed avremo la luna piena martedì 17 maggio. Dato che in due settimane la posizione degli altri pianeti cambia in maniera impercettibile, facciamo presto a capire che nelle giornate attorno al 3 maggio la Luna doveva trovarsi raggruppata ed allineata assieme al Sole ed ai pianeti terrestri. Il 17 maggio, finirà disposta dalla parte opposta.

Bendandi affermava, tra le altre cose, che la Luna potesse trovarsi “…in opposizione agli altri pianeti…” per causare problemi; qui vado a memoria, sono interviste passate in televisione. In pratica, una delle condizioni di marea sigiziale. Ad ogni modo, niente sismi di rilevo a fine aprile / inizio maggio. Il 3 maggio abbiamo il novilunio, come detto, mentre il 17 maggio c’è  il plenilunio, e la Luna si troverà grossomodo dalla parte opposta rispetto a questo inusuale allineamento di pianeti.  Nel primo caso, tutti i corpi celesti vicini sono raggruppati dalla stessa parte: sarebbe poi la situazione a cui si riferiva Bendandi dicendo “…l’azione del nostro satellite va a sommarsi a quella degli altri pianeti…”. Nel secondo caso – il 17 del mese – si avrebbe la condizione di opposizione della Luna a tutto il resto della giostra. Ma l’11 maggio che centra? Non è né l’uno né l’altro. Il terremoto spagnolo di ieri è ormai cronaca. E la predizione per l’11 maggio, se reale, non sarebbe affatto riferita ad uno dei due massimi mareali. Troppe giornate di distanza, in apparenza. Non c’è relazione.

Se tutta la questione fosse semplice come sembra a prima vista, verrebbe da dire che le interferenze gravitazionali – rese visibili dalle maree – devono farsi sentire con i due astri più importanti allineati con la Terra. Se Sole, Luna e Terra stanno su una retta, l’onda mareale è massima; e magari osserveremo qualche altro effetto spiacevole, oltre alle maree.

La questione è più complicata. Proviamo a dare un’occhiata ad una vecchia pianeti del sistema solare nel gennaio del 1924predizione riportata nella biografia del romagnolo: 2 gennaio 1924, terremoto a Senigallia. In realtà il sisma si avrà il 4 gennaio. Che è comunque una buona approssimazione, e che lo renderà famoso. La disposizione dei pianeti è quella rappresentata accanto (stessa fonte di cui sopra). Quel che si vede è che i pianeti terrestri sono disallineati, anche se piazzati comunque tutti dalla stessa parte rispetto alla Terra. In quei giorni la Luna era calante, si andava verso il novilunio che si sarebbe verificato il 6 gennaio del ’24. Francamente l’immagine e la distribuzione dei pianeti non dicono molto, sono persino meno convincenti di quelle che osserviamo adesso, nel 2011. Niente di eclatante, viene da dire. Però parrebbe che il romagnolo avesse fatto centro, e non si era neanche affidato ad un ragionamento riguardante un massimo di marea (che si sarebbe avuto solo dopo alcuni giorni, vedere il calendario).

La mia impressione personale è che Bendandi in realtà avesse un modello,  più o meno buono, ma non avesse voluto affatto svelarlo. Nemmeno per sommi capi. Se tutta la questione si dovesse ridurre agli effetti di un massimo mareale, cosa di cui si è spesso discusso, come mai avrebbe realizzato (ed azzeccato) predizioni per date che non hanno nulla da spartire con i picchi delle maree? Evidentemente non era la condizione di massima ampiezza di marea il parametro da lui impiegato nelle predizioni dei sismi. La sua frase è sibillina; sembra quasi voler distogliere l’attenzione da qualcosa. Va a sapere.

Comunque chissà che avranno pensato i burloni che hanno messo in giro avvisi nei dintorni di Roma per un terremoto previsto per l’11 maggio; soprattutto, che avranno pensato davanti al terremoto nel sul della Spagna. Risate amare direi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in geologia, varie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il cielo stellato e la solida terra

  1. Pingback: Qualche conticino sul cielo | Far di Conto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...